martedì 3 maggio 2016

Baccalà fritto e Puntarelle

La ricetta di oggi è speciale, perché Pietro l'ha cucinata per me. Il concetto formulato così non racconta nulla di nuovo, quasi tutte le preparazioni che trovate nel blog sono state elaborate da lui, ma in questo caso la richiesta è stata specifica, nonostante il vano tentativo di farla risultare velata. Si può cucinare per necessità, per passione e per amore; vedere mio marito (mi fa ancora un po' strano dirlo e a proposito pubblicheremo nei prossimi giorni il racconto del nostro matrimonio con un po' di suggerimenti e spunti) ai fornelli mi fa pensare che si possano incarnare tutte e tre le motivazioni in un unico importante gesto. 

Si è svegliato, mi ha chiesto cosa volessi per pranzo, ma non ha aspettato la mia risposta: ricordava cosa gli avevo detto qualche giorno prima passeggiando tra le bancarelle del mercato settimanale. C'era il banco del pesce e adagiato in un angolo il baccalà ammollato, avevo voglia di fritto e di un'insalata di stagione, di quelle che non ti fanno pensare di essere a dieta mentre le mangi. Così ha indossato il grembiule e ha iniziato a preparare il piatto che oggi vi raccontiamo, realizzato per la nostra famiglia usando Delì di Olio Sagra, un prodotto versatile perfetto per la frittura, un olio di oliva che rappresenta una valida alternativa all'olio di semi che solitamente utilizziamo per questo tipo di cottura.

Baccalà Fritto e Puntarelle Dall'AltoOS

Ingredienti per 2 persone:

400g di Puntarelle (vi consigliamo di acquistare quelle campane o laziali, se non doveste trovarle potete optare per le punte di cicoria catalogna)
500g di  Baccalà già ammollato e dissalato
80g di Farina 00
1 Limone biologico di Sorrento
Birra
1 Spicchio d'aglio
Olio Extravergine d'oliva
Olio Sagra Delì da utilizzare per la frittura
Sale fino
Pepe nero

Iniziate preparando l'insalata sulla quale verrà adagiato il baccalà fritto. Lavate accuratamente le puntarelle dopo aver separato dai cespi le foglie esterne più dure, tagliate i gambi in listarelle sottili, trasferitele in una bacinella e immergetele in acqua fredda perché si arriccino. 

Affettare le puntarelle OS

Nel frattempo ricavate dalla buccia del limone delle zeste utili per l'impiattamento e spremetene il succo, emulsionatelo, aiutandovi con una forchetta, con l'olio extravergine d'oliva e un pizzico di sale. Condite le puntarelle ben asciutte con l'emulsione ottenuta e tenetele da parte in una coppa.

Preparate la pastella setacciando la farina in una ciotola e aggiungendo lentamente la birra, fino ad ottenere un composto morbido e corposo. Tagliate in pezzi di uguale dimensione il filetto di baccalà, dopo aver rimosso la pelle e le lische. Immergete il pesce nella pastella  e intanto riscaldate l'Olio Sagra Delì fino a fargli raggiungere la giusta temperatura. Friggete i pezzi di baccalà, girandoli ripetutamente aiutandovi con una schiumaiola; quando saranno dorati e croccanti poggiateli su carta assorbente da cucina.

Frittura OS

Scegliete un piatto e disponete sul fondo alcune listarelle di puntarelle, adagiate il baccalà fritto ancora caldo e completate con altre puntarelle, le zeste di limone e una spolverata di pepe nero.

Baccalà Fritto e Puntarelle Bottiglia OS

Questa volta la ricetta non l'accompagniamo con una sola canzone, ma con una play list che potete ascoltare su Spotify insieme a quelle degli altri blogger coinvolti nel progetto #atavolaconamore di Olio Sagra.

Nessun commento:

Posta un commento