lunedì 2 febbraio 2015

Dal Passaparola a Quandoo

Avete scoperto di avere la serata libera, nessun impegno di lavoro e tanta voglia di provare la cucina di un ristorante che ancora non conoscete.  Come decidete quale sarà la meta della vostra libera uscita? Un tempo, che oggi appare tanto lontano, la risposta sarebbe stata soltanto una: sfogliare il grande tomo giallo presente in ogni casa accanto al telefono, magari integrando la ricerca con qualche appunto estrapolato dalle esperienze di amici e parenti.  Una veloce telefonata e via. Ma sarebbe andata davvero così?

Faccio parte della generazione che ha vissuto l’avvento del web nella tarda adolescenza, il Sabato sera con gli amici del liceo lo trascorrevo in pizzeria, seduta a tavoli prenotati telefonicamente, dopo vari tentativi infruttuosi verso utenze occupate o telefoni staccati, segreterie mute e la perenne costante incertezza sulla bontà del pasto. Il passaparola è sempre stato il miglior mezzo di ristoratori e osti per ottenere una pubblicità efficace, ma poter fare affidamento sui feedback di tanti utenti e non solo della stretta cerchia degli amici vicini è la reale forza del “consiglio”.

Negli ultimi anni, grazie alla velocità del web e al suo facile accesso, sono nati e cresciuti tantissimi portali che facilitano la ricerca dei locali dove poter trascorrere una piacevole serata. C’è un rischio, però, che s’insidia tra le pagine e i link: la “recensione farlocca”.  I motivi che spingono un utente a rilasciare un commento non veritiero sono innumerevoli, ad oggi pochi siti garantiscono onestà nei giudizi e affidabilità dei contenuti. Tra questi ritroviamo Quandoo.  Ottima navigabilità, sistema intuitivo di consultazione e notevole facilità nella prenotazione di un tavolo. Elementi che mi hanno convinta ad approfondire l’uso di Quandoo e a scoprire caratteristiche che mi hanno fatto apprezzare il servizio.



La ricerca può essere effettuata attraverso la suddivisione dei ristoranti per città, ogni segmento così individuato è impreziosito dai “Quandoo Awards”, premi riconosciuti ai migliori ristoranti segnalati tali dagli avventori. Sono proprio questi ultimi gli artefici del successo del portale. Tutte le valutazioni sono rilasciate esclusivamente in seguito alla prenotazione e alla relativa consumazione del pasto presso il locale prescelto. In questo modo si limita, se non addirittura si elimina, l’eventualità che vengano inseriti commenti mendaci.  Ogni scheda ristorante è ricca d’informazioni che spaziano dalla localizzazione al dettaglio del menu con i relativi prezzi per pietanza, informazioni pratiche e suggerimenti dello chef su quali portate ordinare per apprezzare pienamente la cucina del posto.



Basterebbe anche solo il rapporto di fiducia che s’instaura tra fruitori del servizio di prenotazione e Quandoo per incentivare l’uso del portale, ma a questo si aggiunge una sorta di omaggio di riconoscenza, un “Premio Fedeltà”. A ogni prenotazione effettuata e andata a buon fine viene assegnato un TOT di punti, raggiunto un determinato numero di accrediti è possibile usufruire di un voucher da utilizzare presso uno dei ristoranti affiliati; un’occasione in più per recarsi fuori a cena. Pochi passaggi e grazie a Quandoo il passaparola virtuale è diventato garanzia di una cena da ricordare.


Nessun commento:

Posta un commento