lunedì 2 giugno 2014

"Nati per Proteggere" con AXA

Oggi niente cibo, voglio raccontarvi di un'iniziativa promossa da AXA Italia per dare voce alle piccole e grandi storie di protezione che quotidianamente rendono le giornate migliori. Quando si parla di Protezione si può fare riferimento a molteplici situazioni e contesti: la protezione della madre verso il proprio figlio, quella dell'operatore sociale di una ONLUS verso i ragazzi disabili che accoglie nella struttura o il cittadino virtuoso che decide di preservare il verde pubblico dedicando tempo e risorse alla cura del giardinetto sotto casa. Il concetto di protezione è tanto astratto quanto fortemente concreto nelle azioni che tanti, tantissimi compiono con dedizione e impegno.

La famosa compagnia assicurativa vuole premiare proprio questi gesti e lo farà grazie ad un premio di 50mila E nell'ambito dell'iniziativa "Nati per Proteggere". Fino al 14 Luglio chiunque potrà caricare la sua "storia di protezione" sulla piattaforma web nata proprio per condividere le buone storie (mediante l'apposito form), quelle che riempiono il cuore e sono portatrici di ottimismo contagioso. 

Il 15 Luglio una giuria interna selezionerà le migliori 8 che durante l'estate diventeranno delle video storie. Operatori video professionisti si recheranno nei luoghi in cui vivono gli autori per elaborare dei filmati con le immagini raccontate prima solo attraverso le parole, un'ottima opportunità per far conoscere la propria realtà, il luogo in cui si lavora e si opera. 

L'ultima fase del concorso avrà inizio il 23 Settembre e terminerà il 24 Ottobre, durante questo mese le 8 best-stories saranno oggetto di votazione popolare sul sito e quella che otterrà più consensi sarà premiata il 7 Novembre. Un perfetto meccanismo di selezione: da una parte una giuria composta da tecnici, esperti e membri di AXA, dall'altra il popolo della rete che potrà decidere chi ritiene essere più meritevole del generoso premio.


Il premio del valore di 50mila E sarà utilizzato, ad esempio, per coprire le spese di una borsa di studio nel caso di un singolo o per sostenere la ristrutturazione di una struttura nel caso, invece, di un'associazione o cooperativa. Pensando a quanti gruppi più o meno organizzati ogni giorno lavorano per "proteggere" uomini, animali, ambiente, cultura ed arte non posso che sostenere il progetto e promuoverne la partecipazione in prima persona.

Dopo la giornata di presentazione è stato chiaro a tutti che ci sarà massima trasparenza nella scelta dei finalisti e del vincitore, si vuole individuare nel modo più democratico possibile la storia che tra tutte si sarà distinta non solo per il suo aspetto emotivo, ma anche per il potenziale di crescita che ne si può prevedere. Alcuni esempi chiari sono stati già riportati in video ed è possibile ritrovarli sul sito natiperproteggere.it . Speciale padrino di questa iniziativa è Francesco Facchinetti che seguirà personalmente tutte le fasi di selezione e con occhio attento aiuterà ad individuare le migliori storie.

Spero di ritrovare tra le best-stories finaliste quelle delle ONLUS che seguo da anni, quelle con cui ho collaborato e che sono sicura hanno tanto da raccontare sull'essenza della Protezione.

Nessun commento:

Posta un commento