giovedì 7 novembre 2013

Master in MicroWave con Whirlpool: Seconda Edizione

Qualche settimana fa hanno chiesto a me e a Pietro quali sono gli elettrodomestici che pensiamo siano davvero importanti nella routine di una famiglia ai fornelli; senza pensarci su neanche un attimo abbiamo risposto entrambi indicando lo stesso prodotto: il Forno a Microonde multifunzione. Vi abbiamo parlato del suo arrivo nella nostra cucina con il racconto del Primo Master in Microwave organizzato da Whirlpool e diverse sono le ricette che in questo ultimo anno ci hanno sorpreso. Qualche settimana fa abbiamo avuto il piacere di partecipare alla seconda edizione del Master e non ci siamo stupiti nello scoprire che ben il 72% di intervistati in tutta Europa ha dichiarato "di non poter vivere senza il forno a microonde", basta concentrarsi su case ed uffici per rendersi conto che è davvero l'elettrodomestico più diffuso ed utilizzato. La ricerca citata sopra ha, però, evidenziato un altro dato significativo: il 61% di quei consumatori ritiene di non conoscere adeguatamente il prodotto, di non sfruttarne appieno le potenzialità. Proprio per questo occasioni come quelle del Master diventano importanti e preziose.


E' intuitivo immaginare come il desiderio maggiormente espresso sia quello di riuscire ad utilizzare questo valido assistente in cucina non solo per preparazioni base (come la classica funzione per riscaldare o scongelare), ma anche per piatti più elaborati, un'evoluzione che porti a realizzare sia piatti semplici che veri e propri piatti gourmet. Tra le tantissime potenzialità da poter approfondire una delle più affascinanti ed inesplorate è sicuramente quella della Pasticceria. La Seconda Edizione del Master in MicroWave si è concentrata su questo ambito e ha dato la possibilità a tutti i partecipanti di approfondire tecniche e trucchi per ottenere ottimi dolci. 

Vi riporto i segreti appresi per temperare perfettamente il cioccolato a casa, quasi come se fossimo in un laboratorio di pasticceria. E' importantissimo che il cioccolato arrivi a 31-32 gradi nel caso del fondente, il microonde è l'unico strumento che permette di raggiungere la temperatura ideale con un controllo perfetto (che può sostituire la "temperatrice professionale"), altre tecniche, come il bagno maria, non sono altrettanto valide.

Si procede spezzettando una tavoletta di cioccolato in un contenitore in silicone idoneo, si programma alla massima potenza il microonde e si avvia la funzione. Il prodotto si scioglie in modo uniforme, lo si rigira con una spatola (in 4minuti si mescola 8-10 volte circa). Per capire se il cioccolato è temperato è necessario controllarne la densità: se troppo liquido vorrà dire che ha superato la temperatura di temperaggio, facilmente riscontrabile con un termometro. Una delle prove che si possono fare è prendere un pezzo di carta ed immergerlo nel cioccolato fuso, se è stato temperato bene inizierà un processo di cristallizzazione e il foglio di carta si raffredderà così da ottenere una sottile striscia di cioccolato. Raggiunta questa consistenza e temperatura si potrà procedere con la realizzazione di cioccolatini o cialde, lasciando libera la fantasia di creare con uno degli ingredienti più amati da tutti.


Ci siamo chiesti: come mai proprio il Cioccolato protagonista di un Master in MicroWave? La risposta è presto giunta: creatività e versatilità sono caratteristiche che uniscono i due prodotti, rendendoli una coppia perfetta per la realizzazione di gustose preparazioni. Le parole del maestro Cioccolatiere e pasticcere Denis Buosi riassumono perfettamente le sensazioni provate osservando e poi riproducendo le prefazioni del master: “Creatività, ricerca, interpretazione, associazioni di sapori e di gusti sono elementi che contraddistinguono la moderna pasticceria. Ma l’evoluzione tecnologica, oggi ci permette di andare oltre. Nella mia esperienza ho avuto modo di conoscere i microonde Whirlpool, mezzi di cottura straordinari che hanno portato nella mia pasticceria velocità e performance innovative”. 

L'autunno è il mese ideale per lasciarsi travolgere dai lunghi pomeriggi in cucina avvolti nel profumo del cioccolato, dopo questa giornata e le tante nozioni apprese chissà non si riesca anche noi a realizzare un dolce memorabile preparato interamente con il microonde.


Nessun commento:

Posta un commento