martedì 14 maggio 2013

"Storie di Acqua", il documentario di Luca Pagliari



La parola “acqua” evoca nella mente parole che attengono al campo semantico della purezza, della trasparenza, del movimento, del benessere.


Il grande pregio di “Storie di acqua”, documentario scritto e diretto da Luca Pagliari, giornalista e scrittore collaboratore di Rai Educational, è riuscire a trasmettere qualcosa di più. Accanto al fulgido rigoglio dei paesaggi così diversi eppure ugualmente forieri di vita che ci illustra, che donano un senso di pacificazione e bellezza, l’autore riesce a infondere la passione, l’ardore, la fatica e la perizia che stanno dietro alla captazione dell’acqua, che sottendono alla cura del territorio e delle sue risorse.

Lungo tutto lo Stivale, alla scoperta delle sorgenti amorevolmente gestite dal gruppo Sanpellegrino, dalla Toscana florida di prati polifiti, boschi e rapaci, predatori e ungulati alla più brulla e luminosa Sicilia, per approdare infine sui ghiacciai dal bianco a perdita d’occhio dell’alta Valtellina, ad accompagnare la narrazione visiva con emozionanti testimonianze, intervengono lavoratori del settore ed esperti. E, nelle loro parole, “è un amore, questo, non può essere meno che un amore, tratto l’acqua come parte di me, la sua tutela la sento nel sangue”, “ci impegniamo a mantenere la purezza originaria dell’acqua, dalla fonte alla bottiglia sulla tavola del consumatore”, “ogni volta che una sorgente esce alla luce, avviene un miracolo” ritroviamo quella passione, o meglio “vocazione” che merita una risorsa vitale (siamo fatti per il 70% d’acqua o no?) e, purtroppo, rinnovabile sì, ma non infinita.

E’ impressionante, inoltre, vedere come paesaggi così diversi e distanti si prestino a compiere lo stesso miracolo, offrano un’acqua dall’equilibrato, splendido apporto mineralogico.

Non può che definirsi pregevole l’intento di portare il film nelle scuole, per tutto il 2013; i ragazzi, magari ritrovatisi in aula magna ben felici di perdere un’ora o due di lezione, si ritrovano a crescere, acquisire valori, ad apprendere una lezione ugualmente profonda, formativa e nobile rispetto a quelle custodite nei tomi dei Grandi, una lezione che profuma di rispetto, impegno, dedizione.

Per chi fosse interessato a dibattere con l’autore, oltre che a visionare lo splendido documentario, il viaggio nelle scuole di “Storie di acqua” farà tappa il prossimo 16 maggio a Napoli, al liceo artistico SS. Apostoli.

Informazioni, approfondimenti, contributi e documentario potete trovarli nel sito dedicato all’iniziativa: www.storiediacqua.com



Il post è stato scritto da Giuseppina Cerbino, superba penna nonché nostra cara amica, potete leggere anche la sua esperienza con "la cucina senza glutine" qui.

Nessun commento:

Posta un commento