lunedì 26 novembre 2012

#Xtuttiigusti approda in Sicilia

Il ricordo più nitido che ho della cucina siciliana è quello che risale alla gita dell'ultimo anno del Liceo; sono gli anni a ridosso di quel maledetto 11 Settembre del 2001, il Ministero dell'Istruzione emette una circolare che vieta le gite fuori dal confine italiano. Così si parte senza Carta d'Identità valida per l'espatrio: una settimana in Sicilia per l'ultimo viaggio che avrei fatto prima della maturità con i miei compagni di classe! Da allora mi sono ripromessa ogni estate di tornare a visitare, magari senza sana incoscienza da diciottenne, quegli splendidi luoghi, di riassaporare i veri arancini e la granita, di perdermi nei tramonti immersa in un mare blu. Tristemente non ci sono ancora riuscita, sempre impegni che si accavallano e programmi che si alternano. Ma questo mese ci ha pensato il vulcanico Carlo Vischi a portare un po' di Sicilia "nel piatto" direttamente al Westin Palace di Milano con #Xtuttiigusti.


Appuntamento nel tardo pomeriggio per una cooking class tutta al profumo di agrumi e pistacchio. Il primo a presentarci una ricetta gustosa e facile da realizzare è Alessandro Orefice di Antica Focacceria San Francesco, realtà palermitana famosa ormai in tutto il mondo.

Carlo Vischi & Alessandro Orefice
Gli ingredienti utilizzati per condire questi busiati (rigorosamente fatti a mano con il ferro da maglia, il "buso" siciliano appunto) sono gamberi di Mazzara, fumetto, granella di pistacchi, limoncello, olio & burro, scorzetta di arancia. Vi riassumo, con l'aiuto delle immagini, questo piatto che si può riproporre a casa in pochi minuti.


Fate scottare in una pentola, dove avrete precedentemente fatto sciogliere del burro con l'aggiunta di olio, i gamberi impanati nella granella di pistacchi.


Dopo alcuni minuti aggiungete il limoncello e terminate la cottura con il flambé.


Nel frattempo fate cuocere la pasta in abbondante acqua salata e terminatene la cottura nella padella con i gamberi, aggiungendo il fumetto ottenuto con la testa dei gamberi.


Prima di impiattare donate profumo al piatto con una grattuggiata di scorza di arancia e un filo di olio evo a crudo.


Et voilà: pochi minuti e questo primo piatto è pronto, profumatissimo ed appetitoso.


La seconda sezione della cooking class è tenuta da un volto noto a blogger e giornalisti, uno degli chef del Ristorante Il Canneto dello Sheraton Malpensa, il sicilianissimo chef Gianni Gerry Gerratano. Con una punta di orgoglio ci ha mostrato come preparare un piatto reinterpretato della sua tradizione familiare: I Cavatelli al pistacchio con macco di fave, per un attimo assaggiando le fave mi è sembrato di essere tornata in Puglia.


L'impasto realizzato con i pistacchi era delizioso: stessa quantità di farina di semola rimacinata e pistacchi tritati, un'aggiunta di acqua e tanto olio di gomito.


Finiti i due momenti "educativi" abbiamo gustato una cena siciliana preparata magistralmente dall'impeccabile Chef Augusto Tombolato che anche questa volta ha onorato materie prime selezionate.

Pesce spada affumicato con capperi di Pantelleria di Gabrio Bini e arance


Zuppa di cicerchie con verdurine croccanti servita con bruschetta di formaggio ragusano


Tournedos di maialino in veste di pistacchi di Bronte con cous cous e salsa al cioccolato di Modica


Se vi state quale sia stato il dolce servito potete scoprirlo sbirciando le foto sulla nostra pagina FaceBook, troverete il racconto attraverso le immagini della piacevolissima serata!

3 commenti:

  1. Io vi voglio in Siciliaaaaaaaa!!! Mi mancate tantissimoooo :***

    RispondiElimina
  2. Io vi voglio in Siciliaaaaaaaa!!! Mi mancate tantissimoooo :***

    RispondiElimina
  3. Nuoooo! il cuocone dello Sheraton Malpensa lo conoscooooo! Quando sono andata a fare i Frullati Detox per l'evento della Spora a "Si mi Voglio" lui mi ha passato la frutta, mi ha prestato i coltelli e i taglieri e mi veniva a trovare mentre frullavo!! yeah!

    RispondiElimina