lunedì 22 ottobre 2012

Gillo Dorfles & l'aglianico dell'Azienda San Salvatore

Ho scoperto Gillo Dorfles il mio primo anno di Università, durante un'esposizione temporanea di alcuni suoi lavori a Milano; pochi minuti ed ero già totalmente immersa nei suoi colori e nelle sue figure. Negli anni non mi sono lasciata sfuggire le occasioni per leggere le riflessioni sull'estetica e per osservare dal vivo i disegni.  La passione per l'arte me la porto dietro da sempre, un po' come quella per la cucina e il buon vino così quando Dante Stefano del Vecchio mi ha invitato a questa presentazione ho accolto con entusiasmo la possibilità di vedere congiungersi questi due interessi.

Dante Stefano del Vecchio-Riccardo Cotarella-Il maestro Gillo Dorfles

Gillo Dorfles ama il vino ed ha voluto "donare" a Giuseppe Pagano, titolare dell'Azienda Agricola San Salvatore di Paestum,  dodici meravigliose etichette per "vestire" d'eccellenza artistica l'aglianico in purezza del Cilento prodotto dall'azienda. Il maestro, durante la conferenza stampa, ha raccontato del suo legame con il vino, di come le origini friulane lo abbiano avvicinato a questo mondo fin dalla prima infanzia; parole impreziosite dai ricordi di questi suoi 102 anni di vita. Non nascondo l'emozione di averlo ascoltato e di aver ritrovato in ogni sua frase un pezzo importante della storia italiana.



Ad impreziosire maggiormente queste bottiglie si aggiunge il ruolo fondamentale svolto dall'enologo Riccardo Cotarella, fervente sostenitore delle produzioni senza solfiti aggiunti, ma con l'utilizzo di lieviti indigeni. E'proprio con questa finalità che prossimamente sarà avviato un ambizioso progetto che vede coinvolta proprio l'azienda San Salvatore insieme ad altre 22, l'attenzione e gli investimenti saranno importanti, ma è forte il desiderio di produrre vini che siano naturali, completamente.


Tutte le bottiglie prodotte con queste bellissime etichette sono numerate e potete già trovarle in vendita.

2 commenti:

  1. bell'idea delle bottiglie con una etichetta bella e un vino altrettanto spettacolare.
    Ragazzi se venite a torino fate un salto al padiglione 3 stand 3d 028 ci saro' io e Antonella Millarte. Un caro saluto, peppe.

    RispondiElimina