giovedì 10 novembre 2011

SPAGHETTI AL ... SACCOCCIO

La premessa è doverosa, così rispondiamo alle potenziali  polemiche sul nascere. Il nostro blog di cucina è nato per passione e svago, per amore di cibo&vino e di tutto ciò che questi elementi rappresentano nella nostra vita. Non siamo chef professionisti, non siamo intellettuali del gusto, non siamo critici gastronomici accreditati, non abbiamo neanche trent’anni e in cucina ci divertiamo. Per il futuro, si vedrà.

Alla luce di questo per noi il preconfezionato non è il demonio, non è l’oggetto di una lotta armata; prendiamo coscienza della sua esistenza e in piena libertà decidiamo di utilizzarlo o meno. Il più delle volte non lo acquistiamo perché in cucina ci piace creare dall’origine, “plasmare” il piatto in ogni suo aspetto fino ad impelagarci in preparazioni dai tempi biblici. Altre volte invece testiamo, sperimentiamo e prima di criticare un determinato prodotto in commercio cerchiamo di conoscerne personalmente le caratteristiche.

La curiosità e la grinta che sempre ci accompagnano quando indossiamo il guanto da forno e afferriamo il mestolo ci hanno portato ad accogliere con entusiasmo l’invito della bravissima Sandra, food blogger di Un tocco di zenzero. Il tema del contest? Libera la tua fantasia con il Saccoccio (se non conoscete cosa sia  cliccate QUI).

Abbiamo deciso di osare reinventando un primo classico:  Spaghetti alle vongole…al Saccoccio!



Ingredienti per 2 persone:

180g di Spaghetti
500g di vongole
1 spicchio d’aglio
Olio EVO
Sale & Pepe
Un Saccoccio Buitoni per Pesce alla Marinara



Procedete innanzitutto con la preparazione delle vongole: vanno lasciate in abbondante acqua salata fredda per almeno 30min (un’ora abbondante sarebbe meglio), questa è la fase di “spurgo” che permette l’eliminazione della sabbia eventualmente presente. Risciacquate e trasferite le vongole in una casseruola con il fondo alto (senza aggiungere nulla), alzate la fiamma del fornello ed appena saranno tutte aperte toglietele aiutandovi con una schiumarola.

In una pentola con i bordi alti versate un filo d’olio e aggiungete l’aglio precedentemente schiacciato con la forchetta, mantenete la fiamma bassa e  fate attenzione non si bruci l’aglio. Aggiungete le vongole (che, secondo i propri gusti, avrete precedentemente sgusciato o meno) e il contenuto del Saccoccio (la parte dove ci sono gli aromi) con l’aggiunta delle due tazzine di acqua, e non anche dell’olio, così come indicato sulla confezione.

Nel frattempo fate cuocere per pochi minuti la pasta in acqua bollente davvero poco salata, scolatela quando è ancora molto molto al dente. Riversatela nella pentola dove avete preparato gli altri ingredienti e fate cuocere per qualche minuto ancora.

Quando la pasta sarà al dente versate tutto ciò che è nella pentola nel Saccoccio e mettete in forno preriscaldato a 180° statico per pochi minuti. Nella preparazione è molto importante capire i tempi di cottura della pasta, questo dipende da voi, anche solo un minuto in più in forno potrebbe far scuocere gli spaghetti. Il vantaggio del “passaggio in Saccoccio” è il sapore decisamente più intenso che la pasta acquista. Impiattate e spolverate il pepe a pioggia! Buon contest a Tutti! :)



Ci abbiniamo un bianco “speciale”: Il GAIA di Cantina Giardino (Ariano Irpino-Avellino)


Questa è l'etichetta, non abbiamo reperito foto complete, è "speciale" davvero!

La canzone con cui accompagniamo questi spaghetti è MAI COME IERI di Mario Venuti & Carmen Consoli




18 commenti:

  1. ma questa è stellareeeeee! Grandiosa re-interpretazione di un classico :)
    mercì, mercì!
    un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Prime Insieme Marta! :=))

    Ora aspetto anche la tua! :D

    RispondiElimina
  3. Diamine ragazzi, questa si che è una interpretazione con i fiocchi... sisisi...

    RispondiElimina
  4. un uso incrediibilmente originale e gustoso di un prodotto confezionato che non si penserebbe mai di usare in questo modo! bravissimi!!! ;)

    RispondiElimina
  5. bella idea utilizzare questo saccoccio per la pasta...

    RispondiElimina
  6. Quasi quasi potrebbe partecipare anche alla mia nuova sfida se vi fa piacere ;)
    Vi aspetto, venite a dare un'occhiata!
    Buona serata
    Sonia

    RispondiElimina
  7. Nemmeno io demonizzo il preconfezionato, anzi, qualche volta avendo i minuti contati, mi ha salvato da digiuni forzati.
    Tornando a noi, non conoscevo questo saccoccio per il pesce e visto il risultato, è da provare!
    Grazie
    ciao :)

    RispondiElimina
  8. Questa mi sembra veramente una genialata...in barba agli schizzinosi e ai puzza sotto il naso!!! Bellissima intepretazione!

    RispondiElimina
  9. Ho usato il saccoccio per il pollo e devo dire che è venuto una meravigla! Credo che altrettanto ottimi sono questi spaghetti! Ciao

    RispondiElimina
  10. Non conoscevo il saccoccio, ma devo dire che il risultato ha un aspetto decisamente invitante!
    complimenti
    Ale

    RispondiElimina
  11. Conoscevo il saccoccio per il pollo, ma per il pesce no, ma secondo me questi spaghetti sono strepitosi!! L'immagine mi fa venire l'acquolina, anche a quest'ora...sarò strana io o spettacolari gli spaghetti??

    RispondiElimina
  12. esperimento interessante e perché no! :)

    RispondiElimina
  13. Bravi!!! Ecco come sfruttare in modo esemplare un "aiuto" in cucina!! :)

    RispondiElimina
  14. Magnifica interpretazione ! Assolutamente da provare!

    RispondiElimina