lunedì 13 giugno 2011

MEZZE MANICHE ALLA NORMA..nna!


Concepire una cucina “open”, per rendere la nostra casa più luminosa, ha portato anche il vantaggio/svantaggio che “…non si frigge, altrimenti le finestre devono rimanere aperte due giorni!”. 
La naturale conseguenza è che la nostra cucina, forzatamente con meno fritti, è più salutista pur non perdendo nel gusto, ma ogni tanto si sente la mancanza di qualche verdurina in pastella o di semplici patatine .
Così la pasta alla Norma senza le melanzane fritte diventa per noi pasta alla Norma…nna (con chiaro riferimento alla nostra città pugliese d'origine), facile e veloce da preparare, arricchita da ingredienti della nostra famiglia.



Ingredienti per 4 persone:

400g di Mezze Maniche rigate trafilete al bronzo
750 cc di passata di pomodoro (possibilmente delle zia di Francesca..)
2 grosse melanzane di varietà "palermitana"
200g di cacioricotta pugliese di mucca
Olio extravergine d’oliva
1 spicchio d’aglio
½ cipolla bianca
½ bicchiere di vino bianco
Foglie di basilico
Capperi sott’aceto (un sentito ringraziamento alle nostre mamme che non ce ne fanno mai mancare!)
Sale iodato fino



Per iniziare tagliate le melanzane a listarelle e grattugiate il cacioricotta.

In una padella saltapasta, sufficientemente grande, preparate un soffritto con 4 cucchiai di olio, l’aglio e la cipolla finemente tritati. Aggiungete le melanzane ed alzate la fiamma. Saltate il tutto per 2-3 minuti e fate sfumare con il vino bianco.

Quando il vino sarà completamente evaporato aggiungete un cucchiaio di capperi preventivamente sciacquati e la passata di pomodoro. A questo punto salate secondo i gusti e fate cuocere il sugo per circa 30 minuti a fiamma bassa con il coperchio.

Nel frattempo cuocete la pasta in abbondante acqua bollente salata e, quando è ancora molto al dente (dopo 8-9 minuti), ultimate la cottura a fiamma vivace nel sugo bollente, allungandolo con un po’ di acqua di cottura.

In 5 minuti la pasta dovrebbe aver raggiunto la cottura ottimale. Spegnete la fiamma, aggiungete del basilico tritato e coprite con un coperchio per un paio di minuti.

Impiattate e spolverate con il cacioricotta decorando il piatto con le foglie di basilico.

Questo primo è accompagnato da una canzone della Piccola Compagnia Instabile , orgogliosamente le stesse origini.



...e un vinello non lo beviamo???
Come avrete notato dagli altri post..."sto di bianco!"
Questo è un ottimo Grillo, dai profumi intensi e dalla struttura importante. Del resto la ricetta ha una chiara impronta siciliana.

Kados 2009 di Duca di Salaparuta


39 commenti:

  1. che buona!!! dai, vediamo il lato positivo, oltre a non "impuzzare" tutta la casa è anche più dietetica! ;) però mi avete fatto venire una fame... ;)

    RispondiElimina
  2. molto molto squisita questa pasta, riuscite sempre ad affamarmi tanto. un abbraccio e buona giornata

    RispondiElimina
  3. grazie del commento.
    la norma l'ho appena fotografata. da postare credo domani!!!! :)

    RispondiElimina
  4. Ciao grazie per essere passata da me, il vostro blog e' golosissimo complimenti, bellissimi piatti, buona giornata a presto rosa.)

    RispondiElimina
  5. Che buona ragazzi... comunque è vero le verdurine fritte sono proprio buone!

    RispondiElimina
  6. Adoro questa pasta, è buonissima!! Ragazzi, devo dirvelo, il vostro blog all'ora di pranzo è impossibile da guardare!!

    RispondiElimina
  7. Anch'io mi faccio problemi a friggere qualcosa nella mia mini cucina, ma la pasta alla norma è una delle mie preferite, quindi ogni tanto, molto ogni tanto, si fa! Grazie per questa fantastica ricetta!

    RispondiElimina
  8. perfette per la mia dieta ;) mi invitate a pranzo?? ;)

    RispondiElimina
  9. la pasta alla norma è uno dei miei piatti preferiti...buonissima!!!da provare senza melanzane fritte:)

    RispondiElimina
  10. Bene bene ho appena scoperto che siete anche voi di Milano!:) non si sa mai che ci incontriamo per strada e nemmeno ci riconosciamo!:) bella e buona è la mia pasta preferita, volevo giusto farla!!;)) a presto Vevi

    RispondiElimina
  11. Che bontà.....bravissima!!!

    RispondiElimina
  12. Cari amici musicofili, che bello questo blog...mi sento un po' a casa. Potrei dire che questa pasta alla Norma è una vera "Pasta diva". Vi seguo con piacere, una musicofiloculinariadipendente...BAci, Pat

    RispondiElimina
  13. Che simpatico il nome con cui avete "ribattezzato" questo piatto ^__^ Non amando molto il fritto promuovo decisamente la "NORMA...nna" pure con il bis :D! Baci, buona settimana

    RispondiElimina
  14. Buonissima!!!!! E davvero simpatico il nome della vostra pasta... :)

    RispondiElimina
  15. Mi piace questa ricettina, ha proprio tutti gli ingredienti che io adoro. Bravissimi

    RispondiElimina
  16. deve essere proprio buona!ciao!

    RispondiElimina
  17. ciao ragazzi, siete troppo simpatici e il nome del blog mi piace tantissimo! vi capisco, anch'io ho una cucina "a vista" e devo moderarmi con i fritti...
    buonissima la vostra norma...nna!
    a presto, vi seguo anch'io

    RispondiElimina
  18. Anche io non amo troppo friggere...non perchè non mi piacciano i fritti ma avendo un soggiorno con angolo cottura poi mi tocca "respirare fritto" per giorni.
    Ottima questa vostra variante, da provare!

    RispondiElimina
  19. Ma che bel piatto, sano e leggero mi piace molto la pasta alla Norma...nna, davvero buona! Buona serata

    RispondiElimina
  20. Bellissimo piatto e felice di conoscervi!!!!
    Subito vostra sostenitrice!!!
    Un abbraccio e a presto!!!!!

    RispondiElimina
  21. bella presentazione e ottima ricetta, le melanzane sono una delle mie verdure preferite; una volta ogni tanto però fa bene concedersi un fritto, da quando lo ha sdoganato la nutrizionista sono più rilassata quando me lo dedico.!! buona serata!:))

    RispondiElimina
  22. Devo ammettere che apprezzo questa versione con le melanzane non fritte :)
    Anche se una bella parmiggiana di melanzane alla pugliese ogni tanto... :D

    RispondiElimina
  23. Ne prenderei una forchettata anche a quest'ora. Ottima direi. Complimenti!

    RispondiElimina
  24. mi piace questa versione light, anch'io friggo raramente, perciò per me così è proprio perfetta. Bravi!
    Un bacio

    RispondiElimina
  25. Approvo la versione senza frittura, la pasta viene ugualmente buona ed evitiamo calorie in eccesso :)

    RispondiElimina
  26. ma che buon piatto!!!ehm, non condivido il pensiero di non profumare la casa di fritto, perchè adoro sentire sfrigolare l'olio e mi piace sentire croccare il cibo fritto!ma seguo anche io la vostra linea salutistica e approvo queste melanzane-light , tanto il piatto è già sufficientemente ricco e chissà che bontà!

    RispondiElimina
  27. Originale la pasta alla norma...nna!Io adoro il fritto e non mi pesa friggere (sempre se non ho appena lavato i capelli...)Che bello, abbiamo in comune, l'accompagnamento musicale del piatto...certo voi siete più precisini con l'immagine della copertina del cd!!!Bravi!

    RispondiElimina
  28. Un piatto meraviglioso, a parer mio...
    Buonissima giornata!

    RispondiElimina
  29. @Glo83,Chiaretta, Antonella,marco&barbara,Federica, Elenuccia, Sar@, Ann, Viola, Monica: uno dei massimi successi è riuscire a rendere gustoso un piatto senza necessariamente eccedere con i grassi..questa volta ci siam pienamente riusciti! ;) E poi..l'estate è alle porte! :)

    @Stefania,Rosa, Francesca, B.B., Olga, ProvareXgustare, Elisina, Selina,Donatella, Federica, Lady B. , Franci, Simo: grazie a tutte ragazze! E' stato divertente rendere nostro piatto piatto , omaggiando la piccola città pugliese da cui veniamo.

    @grEat: fantastica coincidenza! La tua versione è davvero originale!

    @Vevi: bisognerebbe proprio organizzare un mega raduno..siamo in tantissimi a Milano tra i foodblogger! Ci lavoriamo sù! ;)

    @Patty: musica e cucina..c'è abbinamento migliore!? =)

    @Cristiano: ti abbiamo scritto riguardo il tuo evento..speriamo davvero di esserci.

    @Cristina b. : grazie mille per i complimenti, il nome del blog è frutto di tutto ciò che nella nostra cucina domina: musica ( cantata e no dal vivo..ihih! ), buon cibo e vino e tante Chiccherie!! Felici di averti con noi!

    @Monica: grazie mille carissima, è rassicurante sapere che la nutrizionista sostiene la frittura ( ovviamente in dosi moderate, no!? ;) )

    @Ale: anche noi non condivideremo più il nostro pensiero quando avremo una grande cucina dove poter fare panzerotti su panzerotti senza che lo sappiano in ufficio il giorno dopo dall'odore dei nostri abiti!! =) ahahah!

    @AmicheCuoche: corriamo subito da voi, è bello condividere le stesse passioni!


    GRAZIE A TUTTI DI CUORE E BUONA GIORNATA..TORNIAMO PRESTO CON UNA NUOVA RICETTA "ARTISTICA"! ;)

    RispondiElimina
  30. ciao! ^^ grazie per essere passati a trovarmi... non vi conoscevo ma il vostro blog mi piace già :D ed è ricchissimo di gusto. e poi devo ammetterlo: ho un amore spassionato per la cucina del sud!

    RispondiElimina
  31. la cacioricotta pugliese è un tocco di goduria che apprezzo molto! :P

    RispondiElimina
  32. diciamo che alla normanna sono più buone

    RispondiElimina
  33. ragazzi piacere di conoscervi, scusate se vengo in ritardo......la pasta alla norma mi piace tantissimo ma anche io odio friggere per una questione di salute ..e di odore... a presto

    RispondiElimina
  34. Ciao!
    anche io cucina open:il fritto è come il nucleare al referendum... bocciato!bellimo piatto,buona notte,francesca

    RispondiElimina
  35. Ciao domani proverò la vostrA normanna, di certo già so che sarà un successo come già lo è stato per le altre vs. ricette!

    RispondiElimina
  36. Ciao Lea!
    Siamo curiosi di sapere se la pasta ha soddisfatto i commensali! ;)

    RispondiElimina