lunedì 21 maggio 2018

Un gustoso aperitivo dopo la lezione di Yoga con Decathlon

Post in collaborazione con Decathlon

Per anni ho osservato con curiosità chi praticava yoga, non tanto per capire la tecnica e la dinamica di questo sport, quanto per comprendere i motivi che lo rendevano "imprescindibile" nella vita di chi iniziava ad appassionarsi. Non vi nascondo il mio scetticismo, abituata a correre, nuotare, fare spinning e attività quasi esclusivamente aerobiche. La disciplina più vicina allo yoga che avessi mai praticato è stato il pilates e ovviamente lo stretching, ma sempre finalizzato all'esercizio di uno sport che prima aveva messo i muscoli sotto pressione, tanto da necessitare di uno stop per ossigenare l'organismo. Poi un giorno ho deciso di cambiare punto di vista, mi sono fermata davanti agli orari dei corsi nella mia palestra e mi son detta che dovevo provarci. Non si può elaborare una convinzione senza aver provato, almeno una volta, a confutarla.



Così quasi un anno fa è iniziata la mia relazione con lo yoga. Non è stato un colpo di fulmine e neanche un lento innamoramento. É stato un graduale conoscersi per capire se ci sarebbero state le basi per costruire qualcosa di duraturo. Ho praticato con costanza per due volte a settimana per diversi mesi, non mi rendevo davvero conto di quello che stava succedendo e di quanto stesse diventando importante per la mia testa e per il mio corpo. Poi ho smesso forzatamente per sei settimane e lì mi sono accorta che stavo perdendo l'ossigeno, quello figurato che mi faceva respirare bene con la testa concentrata sul nulla di una posizione e i tendini che rivendicavano la loro elasticità. Avevo finalmente compreso il senso di "imprescindibile" nello lo yoga.

Oggi pratico quando posso e quando ne ho bisogno, non ne sono diventata una fanatica, ma ne sono affascinata. É strettamente legato a questo il fatto che seguo con forte interesse tutte le novità legate alla disciplina e non mi sfugge niente su abbigliamento e accessori per rendere perfette le lezioni che frequento o i momenti a casa che riesco a ritagliarmi sul mio tappetino. Qualche giorno fa ho partecipato alla presentazione della collezione Yoga di Domyos, la linea Decathlon dedicata al fitness.



La doverosa premessa è che per godere dei benefici che lo yoga dona alla mente (serenità, diminuzione dello stress, concentrazione) e al corpo (equilibrio, flessibilità, forza) è indispensabile indossare indumenti comodi, che rendano la pratica un momento in cui la concentrazione non deve essere assolutamente interrotta da disagio o fastidi. Tutti i prodotti Domyos vengono ideati coinvolgendo chi pratica realmente lo sport, in questo caso lo yoga, perché si possa ottenere un capo tecnico perfettamente sicuro. 



Esistono diverse pratiche dello yoga soft e dello yoga dinamico; ognuna presenta caratteristiche diverse: l'hatha yoga permette di rilassare il corpo, è basata sul respiro e sulla concentrazione; lo yoga nidra è molto efficace contro lo stress ed è una vera e propria tecnica di rilassamento; il restorative yoga è importantissimo per la postura ed è molto utile per rendere flessibile il corpo con delicatezza. L'ashtanga è dinamico e aiuta a purificare il corpo dalle tossine; l'hot yoga è indicato per chi vuole aumentare la forza e la flessibilità dei muscoli e poi c'è l'iyengar, uno yoga molto fisico e posturale in cui sono fondamentali supporti come cinghie, mattonelle e pareti.

Per ogni specifica disciplina ci sono indumenti più o meno adatti. Quelli che indosso in queste foto sono il Top 500 Seamless Reversibile, senza cuciture e punti di sfregamento, vestibilità perfetta che segue le linee del busto e massima traspirazione; la Tshirt 500 Seamless, morbidissima e ideale nel seguire le curve del corpo, in tessuto tecnico traspirante e infine i Leggings 7/8 Donna Yoga 500 Seamless Rosa di cui mi sono innamorata, massima libertà di movimento ed elasticità perfetta, anche questi come la T-shirt e il top senza cuciture e punti di sfregamento.





L'offerta dei prodotti è molto vasta, potete trovarli on line o negli store. Nei prossimi giorni andrò ad acquistare anche la versione celeste dei leggings e nel frattempo vi lascio con una ricetta defaticante. Dei crostini integrali con i peperoni in agrodolce, quelli che amo e che mi ricordano che l'estate è vicina. Sono ricchi di vitamine e antiossidanti, fanno bene alla memoria e alla vista, ma soprattutto sono buonissimi.

Peperoni in Agrodolce



Ingredienti per 2 persone:

2 peperoni
Aceto di vino bianco
Sale
Zucchero
Capperi
Origano

Lavate i peperoni e lasciateli in forno preriscaldato a 180° per 30 minuti, prelevateli e teneteli chiusi in un sacchetto di carta per 15 minuti. Spellateli, privateli dei semi e tagliateli in striscioline.

Trasferiteli in una padella antiaderente con mezzo bicchiere di aceto di vino bianco, un cucchiaino di zucchero e una spolverata di sale. Fateli cuocere per altri 10 minuti e serviteli accompagnati con capperi e origano.